Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.
PROSEGUI

Per saperne di più

Possiedi un vecchio impianto d'allarme Diagral 2010?

Diagral 2010 è la generazione precedente degli allarmi senza fili Diagral ed è stata sostituita dalla nuova gamma Diagral WAVE: tecnologicamente più avanzata dal design ricercato.

É possibile implementare impianti esistenti Diagral 2010 acquistando le periferiche aggiuntive presso le principali catene del "Fai da Te".
Consulta la lista delle periferiche ancora disponibili e recati presso il punto vendita a te più vicino.

Trova le risposte alle domande più frequenti (FAQ)

Diagral 2010 è uguale a Diagral Wave?

Diagral 2010 differisce totalmente da Diagral Wave in quanto si tratta due diverse tecnologie di trasmissione radio incompatibili tra loro.



Qual' è la differenza tra Diagral 2010 e il nuovo Diagral Wave?

La comunicazione tra le periferiche in Diagral 2010 avviene su doppia frequenza mentre in Diagral Wave avviene su doppia banda rendendo incompatibile l'associazione di periferiche del sistema 2010 con il nuovo allarme Diagral Wave



Posso ancora implementare il mio impianto d'allarme senza fili Diagral 2010?

É possibile implementare gli impianti esistenti Diagral 2010 rivolgendosi direttamente presso i punti vendita delle catene "Fai da te".



Posso aggiungere al mio impianto d'allarme Diagral 2010 delle periferiche della nuova linea di allarmi Diagral Wave?

ASSOLUTAMENTE NO. Le tecnologie degli allarmi sono incompatibili tra loro



Se ho bisogno di assistenza sul mio impianto Diagral 2010, come posso fare?

Puoi contattare il nostro servizio di assistenza tecnica disponibile dal lunedì al sabato



Non riesco a staccare le etichette relative dalla garanzia presenti sulle confezioni dei prodotti

Le etichette della garanzia sono posizionate all’interno del dispositivo stesso



Non riesco a programmare il mio telecomando

Il led lampeggia invece di rimanere fisso. Aprire il telecomando, estrarre la batteria e pulire la sede della batteria con un panno asciutto e riprovare.



Possiedo un combinatore e vorrei collegarlo all’ADSL. Quali precauzioni devo prendere?

Allo stato attuale, una linea RTC al quale viene collegato un comunicatore telefonico, in testa alla linea, è in grado di fornire la miglior trasmissione dei messaggi di allarme.
Con l’ADSL è indispensabile posizionare in testa all’uscita della linea RTC un filtro che consenta al combinatore telefonico (sempre posizionato in testa alla linea) di rimanere prioritario e di trasmettere i messaggi d’allarme nelle migliori condizioni.



Posso utilizzare un combinatore telefonico tradizionale (RTC) con tutti i tipi di abbonamenti telefonici presenti sul mercato della telefonia fissa?

Ad oggi esistono due principali tecnologie di telecomunicazione per telefonia fissa:

  • Over IP parziale, trasmissione voce e ADSL tramite doppino telefonico tradizionale con l'utilizzo di un filtro in testa alla linea [abbonamento Telecom Italia (no ALICE) e Infostrada].
  • Over IP totale, trasmissione digitale voce e dati attraverso l'utilizzo di un router telefonico [abbonamenti Telecom Alice, TeleTu, Tiscali e Vodafone Station]

Il funzionamento del combinatore telefonico dipende dalla tipologia di abbonamento utilizzato.  Nel caso di: 

  1. Over IP parziale: funzionamento garantito in uscita (segnalazioni di allarme) e in entrata (comando da remoto) a condizione di aver installato correttamente un filtro ADSL sulla presa telefonica a cui è collegato il combinatore.
     
  2. Over IP totale:funzionamento non garantito a causa della tecnologia digitale di trasmissione dei router. L'utente può ricevere le chiamate di segnalazione di allarme ma non può gestire l'impianto da remoto. Tale perdita di funzionalità dipende direttamente dal router e dalla sua configurazione (configurazione di fabbrica impostata dall'operatore di telefonia e non modificabile dall'utente stesso).
In caso di presenza di connessione Over IP totale è fortemente consigliato il combinatore GSM DIAG53AAX



Ho terminato l’installazione. Tutto è stato eseguito correttamente, ma la centrale non si attiva quando eseguo una prova reale.

In effetti, per effettuare una prova reale di intrusione, occorre in primo luogo uscire dalla stanza in cui si trova il rilevatore da testare, accendere il sistema, aspettare che sia trascorso il ritardo d’uscita (segnalato da “Acceso” al termine dei 90 sec. impostati di fabbrica) e infine entrare nella stanza protetta.



Posso cambiare il codice d’accesso principale della tastiera?

Potete modificare il codice d’accesso principale ogni volta che volete. È sufficiente fare riferimento a Programmazione/Modifica del codice d’accesso principale.



Il sistema va in allarme anche se è spento

Si tratta di un’attivazione dovuta ad auto - protezione, emergenza, incendio o altri motivi.
Consultate la memoria eventi inviando un commando di “Spento” (OFF).



La spia del rilevatore di movimento lampeggia continuamente

Probabilmente il rilevatore non è ben fissato alla base o il perno di autoprotezione non è installato oppure non corrisponde al tipo di montaggio quindi verificate che il rilevatore sia correttamente agganciato e fissato alla base o nel caso il montaggio sia errato montate il perno di autoprotezione corrispondente al tipo di montaggio e verificate l’installazione del rilevatore sulla parete.



Ho sostituito le pile della centrale, ma questa continua a segnalare “bip, anomalia tensione centrale”

Molto probabilmente la memoria della centrale non è stata cancellata prima del cambio pile.
Togliete tutte le pile dalla centrale per 2 minuti, quindi reinseritele e procedete a riprogrammare la data e l’ora.



Dopo la sostituzione delle pile di un prodotto, è necessario ripetere l’apprendimento e la programmazione?

No. L’apprendimento e la programmazione dei prodotti sono mantenuti in caso di sostituzione delle pile.



Seguici su
Servizio Clienti